Archive for  Dicembre 2016

Home / Dicembre 2016
2 Posts
vacanze andalusia

Hola y bienvenido su Spagnatour, il blog italiano scritto da una spagnola amante delle bellezze del suo paese.

In questo articolo ti consiglierò le migliori attrazioni da vedere durante le tue prossime vacanze in Andalusia, la regione più a sud della penisola iberica.

Una regione composta di 8 città bellissime di cui la metà sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO.

Ovviamente l’Andalusia è una regione molto grande ed è quindi impossibile da visitare  in pochi giorni, ma grazie alla guida puoi organizzare al meglio la tua visita.

Per organizzare questo viaggio al meglio considera che l’aeroporto più adatto e meglio collegato con l’Italia è l’aeroporto di Malaga.

Negli ultimi anni Malaga è cresciuta molto e insieme ad essa il suo aeroporto collegato con decine di voli tutti i giorni a tutte le ore con le principali città italiane.

Ora che sei pronto per pianificare la tua prossima vacanza in Andalusia, ecco qui i posti eccezionali da visitare.

1. Alhambra di Granada (eletta come la città più bella della Spagna)

alhambra granada

Granada, eletta nel 2016 come la città più bella di tutta la Spagna, ha il monumento più visitato del paese: L’Alhambra, che significa fortezza rossa.

Una fortezza araba del 12 secolo, dichiarata Patrimonio dell’Umanità per L’UNESCO nel 1984 che rappresenta lo splendore e il potere della dinastia Nasridi, che comandò a Granada durante 8 secoli.

Una vera e propria città murata, quello che in arabo si conosce come medina, dove abitavano sia il sultano che il suo popolo.

Un esempio di architettura e ingegneria straordinari.

Anche se il suo aspetto esteriore è molto sobrio ed abbastanza semplice, l’interno dell’Alhambra è ricco in decorazioni dove il legno, ceramica e stucco sono i veri protagonisti.

Un’autentica meraviglia che non ti lascerà indifferente.

Per ulteriori informazioni sui biglietti, orari etc… legge Visitare l’Alhambra, il gioiello di Granada. 

Insieme all’Alhambra, nel 1984 fu dichiarato Patrimonio dell’Umanità anche il quartiere l’Albayzín.

L’esempio migliore della fusione tra l’architettura e la cultura araba e andalusa.

albayzin granada

Qui, tra le case chiamate ” Carmenes“, c’erano molte moschee oggi trasformate in chiese ed il mirador de San Nicolás, un balcone con la miglior vista dell’Alhambra e della città intera.

Questo quartiere oggi è famoso soprattutto per le numerose grotte “cuevas” dove ammirare i tradizionali spettacoli di Flamenco.

Per saperne di più di questa bellissima città e di tutte le cose da vedere, da fare e anche mangiare….

Leggi anche: cosa vedere a Granada

2. Torre dell’oro e piazza di Spagna (Siviglia)

Siviglia, capitale dell’Andalusia, è una città meravigliosa con una storia incredibile testimoniata dai suoi monumenti  come la cattedrale, l’Alcazar e l’Archivo General de Indias dichiarati patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO

torre oro siviglia

La Torre dell’Oro, chiamata così per il colore delle sue mure di calce e paglia pressata, da il benvenuto al visitatore dalla sponda del fiume Guadalquivir.

Si tratta di uno dei simboli della città grazie alla sua importanza strategica di difesa quando Siviglia era parte de regno Al-Andalus.

Una torre di controllo all’acceso della città dove oggi troviamo il museo Navale di Siviglia che mostra il viaggio che intraprese Cristoforo Colombo alla scoperta dell’America.

Ti consiglio di visitare la parte alta della torre per godere al meglio la meravigliosa vista della città.

La Torre dell’Oro è gemellata con la Torre di Belem di Lisbona.

L’altro luogo che non può mancare nella lista delle cose da vedere è la famosa Piazza di Spagna, vacanze andalusia un posto che sembra un set cinematografico.

E quando dico “da cinema” intendo proprio quello già che questa piazza è stata lo scenario di films di Hollywood come “Star Wars” o “Lawrence di Arabia” tra le altre.

Costruita nel 1929 da un architetto locale, la piazza ha 48 panchine rivestite di piastrelle ognuna col suo nome che rappresentano le 48 provincie Spagnole… anche se in realtà ci sono 50 (Siviglia e Gran Canaria non sono incluse, la prima perché è rappresentata lungo tutta la piazza, la seconda, perché all’epoca in cui fu disegnata la piazza, Gran Canaria apparteneva ancora alla provincia di Tenerife).

Ma ovviamente Siviglia ha tanti altri posti bellissimi da vedere, per cui ti consiglio di leggere anche: cosa vedere a Siviglia

3. La Mezquita e la città dei cortili andalusi (Cordoba)

vacanze andalusia mezquita cordoba

La Mezquita de Cordoba è la moschea (oggi cattedrale) più grande del mondo musulmano in occidente.

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO nel 1984, rappresenta mediante la sua architettura islamica, gotica e rinascimentale, tutta la storia dell’Andalusia dall’epoca araba fino all’epoca cristiana.

La parte più caratteristica è l’Haram o sala d’orazione, composta da più di 800 colonne di marmo su cui appoggiano 400 arcate rialzate bicolore bianche e rosse che si distribuiscono lungo 19 navi.

Per quanto riguarda la cattedrale, la parte più emblematica è quella del coro realizzata interamente in legno di mogano rappresentante delle scene bibliche.

Un vero e proprio gioiello architettonico unico al mondo.

Per ulteriori informazioni, legge anche: cosa vedere a Cordoba.

4. Medina Azahara (Cordoba)

Medina azahara cordoba

Medina Azahara tradotta dall’arabo significa “La città Brillante”.

Si tratta di una città palatina situata a 8 km da Cordoba che fu costruita come simbolo del potere del sultano.

La storia narra che il nome venne dato in onore alla sposa favorita del sultano, Azahara, che significa fiori d’arancio.

Da quella grandiosa città palatina sono rimasti soltanto i pilastri e qualche mura, ma ancora oggi si respira quell’area di grandezza e solennità caratteristica all’epoca.

Nel 2015 è stata inclusa nella lista indicativa spagnola per dichiararla Patrimonio dell’Umanità.

Senz’ombra di dubbio, Medina Azahara, è una visita obbligata nel tuo tour per l’Andalusia.

Ma ricordati che per goderti al massimo la visita di un nuovo posto, non c’è niente di meglio che assaggiare la sua cucina per scoprire la vera e propria cultura.

Quindi ti consiglio di leggere anche: cosa mangiare a Cordoba.

5. Ronda (Malaga)

Ti starai chiedendo perché invece di parlare di Malaga città parlo di un suo paese satellite.

Bene, la risposta è facile: Malaga è la città di arrivo per la maggior parte dei turisti che arrivano in Spagna e praticamente tutti si fermano a vederla quindi… meglio farti conoscere altri posti più nascosti in questa provincia.

Ronda è uno dei miei posti preferiti non solo per la sua bellezza mozzafiato e la tranquillità che lì si respira, ma anche per la sua ricchezza architettonica e culturale.

Situata nell’entroterra malagueño, a 100 km dalla capitale, Ronda è nota per i suoi strapiombi, la sua architettura e per avere la Plaza de Toros più antica di tutta la Spagna. 

ronda malaga vacanze andalusia Ci sono numerosi monumenti da visitare come la chiesa Maggiore, la casa del Re Moro e la casa del Gigante.

Non dimenticare una visita al Puente Nuevo (foto a sinistra), il simbolo della città.

La casa del Gigante fu costruita nel più puro stile Nazarí infatti ricorda l’Alhambra di Granada.

Una città che offre bellezza a livello di paesaggio, architettura e gastronomia, che altro si può chiedere a un posto?

Per ulteriori informazioni leggi anche: Cosa vedere a Ronda.

6. Ubeda y Baeza (Jaen)

Ubeda e Baeza sono due città della provincia di Jaen dichiarate entrambi Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO nel 2003.

vacanze andalusiaSono famose grazie ai monumenti in stile Rinascimentale simile allo stile italiano.

Distanti una decina di km l’una dall’altra, si possono visitare facilmente in una giornata, anche se ti consiglio di spendere almeno una intera giornata in ognuna.

cosa vedere a ubeda

A Ubeda la Plaza del Mercado, el Real Monasterio de Santa Clara dal 1290 (il più antico di tutta la città) ed el Hospital de Santiago (la foto a destra) sono i monumenti più notevoli e che non dovrai perderti per niente al mondo.

Una visita che di sicuro non ti lascerà indifferente.

Baeza è una città dove predomina lo stile Rinascimentale anche se ci sono dei palazzi monumentali sia in stile Romanico che Gotico, motivo per la quale diventa una città veramente importante dal punto di vista artistic.

Nel centro nevralgico della città si trova la Plaza del Mercado Viejo, piazza circondata dai piccoli vicoli, negozi e bar che fanno di Baeza una città molto vivace.

cosa vedere a Baeza

L’Antigua Universidad (Antica Università) dove Antonio Machado, uno dei scrittori e poeti più famosi ed importanti della letteratura spagnola, era professore di francese e il Palacio de Jabalquinto (nella foto a sinistra) sono delle visite obbligatorie da fare a Baeza.

Come vedi Ubeda e Baeza sono due città imperdibili, specialmente si sei un amante dell’arte architettonico.

Legge anche: Ubeda e Baeza, i gioielli del rinascimento a Jaen.

7. Cadice, la Cuba Spagnola

Conosciuta per tutti come la Cuba spagnola per il lungomare simile al famoso malecón cubano, Cadice è una tappa obbligatoria nella tua vacanza andalusa.

Non a caso è stata scelta come scenario di films di Hollywood come quello di James Bond “Die another day” per rappresentare Cuba.

cadice andalusia

Insieme al lungomare, tutto il centro storico ricorda in maniera caratteristica la capitale cubana.

La città è famosa anche per il suo carnevale, la festa più importante della città e della provincia che attira a milioni di visitanti ogni anno.

Leggi anche: cosa vedere a Cadice per sapere al dettaglio come festeggiano questo gran evento che organizzano durante tutto l’anno.

La peculiarità di questa città è che ha tutte le sue attrazioni principali raddoppiate.

A Cadice infatti ci sono due cattedrali e due castelli: la cattedrale della croce sul mare e la cattedrale della santa croce, il castello di Santa Catalina ed il castello di San Sebastián.

I due castelli sono uniti tra di loro per un lungomare che purtroppo non è raggiungibile perché il castello non è aperto al pubblico (è la sede del laboratorio d’investigazione marina della città).

Per fare una bella passeggiata sul mare ti consiglio la spiaggia della Caleta dove ammirare uno splendido tramonto.alameda apodaca cadice

L’Alameda Apodaca, un giardino che guarda sulla Baia di Cadice, è un altro posto idoneo per una passeggiata rilassanti tra i alberi e fiori con vista sul mare.

Il teatro romano non può mancare nella vostra lista di cose da vedere a Cadicenon solo per essere il secondo teatro romano più antico dell’istoria, dopo quello di Pompei ma anche per essere uno dei più grandi della Hispania Romana che appaiono nelle opere di Cicerone.

Per finire la vostra visita di questa bellissima città non c’è niente di meglio che perdersi tra le stradine del centro storico per arrivare finalmente alla Plaza de San Juan de Dios, dove ci trovano i migliori bar di tapas e ristoranti della zona che offrono dei piatti più buoni e tipici in città.

Penso veramente che questo sia una ottima opzione per concludere una giornata intensa visitando la curiosa città di Cadice.

Vacanze in Andalusia, le 7 cose da vedere: Considerazioni finali.

Come hai visto, l’Andalusia è una regione abbastanza grande che offre al visitante un’ampia varietà di attrazioni monumentali e paesaggistiche (nel prossimo articolo ti parlerò dei principali parchi naturali andalusi da visitare) molto caratteristiche.

Ovviamente il modo migliore per girare tutti i posti è affittando una macchina. Ci sono numerose compagnie di affitto di macchine nei piani di sotto dell’aeroporto di Malaga. Comunque sia vengono bene segnalati una volta che sei nella zona dei arrivi.

Per una buona pianificazione del viaggio è importante sapere che da una punta dell’Andalusia all’altra ci sono oltre 500 km, e chi vole spendere i suoi giorni di vacanze dentro la macchina tutto il giorno? quindi, pianifica la tua visita a seconda dei giorni disponibili perché penso sia meglio vedere meno cose ma bene che visitare tutto di fretta.

In più, il vero spirito di Spagna tour è quello di visitare i posti scoprendo non solo le principali attrazioni, ma assaggiando i piatti più tipici e spendendo del tempo nel posto, cercando di relazionarsi con i locali.

Ah, ed a proposito di relazionarsi, una cosa devi saperne: in Spagna non troverai facilmente la gente che parla un inglese fluito, per cui sarà meglio parlare in italiano che ovviamente è più simile allo spagnolo.

Bene e tutto per oggi. Spero ti sia piaciuto l’articolo e ti sia stato di aiuto per sapere meglio cosa vedere nelle tue prossime vacanze in Andalusia. Se pensi che può essere utile per altre persone, non essiti a condividerlo!

Grazie e buon viaggio amigo!

Marta 🙂

 

 

 

natale caldo a tenerife

Cosa vedere a Natale a Tenerife

Hola y bienvenido su Spagnatour, il blog sulla Spagna scritto in italiano per una spagnola di Granada. In cosa vedere a Natale a Tenerife ti parlerò di tutte le cose da fare in questi giorni festivi.

Ovviamente Tenerife è Spagna (anche se più che Spagna sembra il Caraibi) e quindi i giorni e tradizioni sono gli stesi o abbastanza simili.

Come avevo già detto nell’articolo di cosa vedere a Natale in Spagna  e come succede in Italia, i giorni più importanti del natale sono 24, 25 e 31. L’unica tradizione che cambia con rispetto all’Italia è la sera del 5 Gennaio, già che noi spagnoli non abbiamo una befana che ci lascia delle caramelle.

Per noi spagnoli, la notte del 5 Gennaio è la notte dei 3 Re Magi, che è senz’ombra di dubbio, la notte più magica ed aspettata per i spagnoli, sia i bimbi che i grandi. 

La cosa migliore del Natale a Santa Cruz di Tenerife è ovviamente il clima! festeggiare questi giorni a 25 gradi senza dover andare all’altra parte del mondo… non ha prezzo!

cosa vedere a natale a tenerife

Quindi tutta la gente che si trova nell’isola festeggia questi giorni facendo delle attività all’area aperta! mare la mattina e alla sera… uscire per il centro della città tutto illuminato con le luce di natale…. bellissime!

 

In più, c’è un mercatino di Natale bellissimo ed enorme in Plaza de España dove troverai dell’artigianato più bello e caratteristico. Aperto tutti i giorni fino al 5 Gennaio, notte in cui rimarrà aperto fino tardi quasi mattinata.

Il posto migliore per decidere il pensierino di chiedere a Babbo Natale, perché come avevo già detto, in Spagna la notte in cui si ricevi i regali è la notte dei Re Magi.

Cosa vedere la vigilia di Natale a Santa Cruz de Tenerife

La vigilia di Natale, cioè la Noche Buena in Spagna, è una serata da festeggiare in famiglia, motivo per il quale molti ristoranti della città ed intorni rimangono chiusi la notte del 24.

Ma se sei un ospite in un albergo, tranquillo, perché tutte le strutture alberghiere offrono una cena speciale per i suoi ospiti. Cena che va da i 30 a 120€ a persona, a seconda dell’albergo e della cena.

Se non stai prenotando in un albergo e non vuoi rimanere a casa, puoi cenare nei ristoranti del centro città. Una delle zone migliori è Calle La Noria, dove oltre a un’ampia selezioni di ristoranti ci sono anche tanti clubs dove poter continuare festeggiando dopo cena.

Sentirai alla gente cantare per strada dei Villancicos, cioè canzone natalizie tipiche di Spagna. Non si può festeggiare questa sera senza cantarli…quindi se ti trovi con un gruppo di persone che cantano come si non si fosse un domani…. uniti a loro e canta pure tu! (non ti preoccupare se non ti sai le canzone, si accetta pure il playback :P).

E ricorda… sei in Spagna… quindi si cena tardi, si esci tardi e se festeggia fino alla mattina dopo! e prima di andare a casa, tutti si fermano a fare colazione: churros con chocolate! (la miglior ricetta per combattere la sbornia ed essere pronto per il giorno dopo).

Cosa vedere il giorno di Natale a Santa Cruz de Tenerife

Dopo la festa del 24 la cosa migliore di fare il 25 è quella di spendere la giornata al mare. La spiaggia più vicina alla città di Santa Cruz è la playa de las Teresitas, facilmente raggiungibile anche in bus (numero 910).

L’unico problema è che tanti ristorantini di pesce che la circondano, rimangono chiusi il giorno di Natale.

Se avete la macchina, il mio consiglio e anche andare a Tajao o al Medano, dove la spiaggia è bellissima e molto tranquilla.

Dopo un po di relax al mare e di ritorno a Santa Cruz, puoi godere de qualche concerto natalizio, tutti gli anni si fa il concerto di Natale nel porto della città. Si tratta di un spettacolo all’area aperta ed è totalmente gratuito.

Questo concerto natalizio accoglie fino a 30.000 persone, e ricordati di una cosa: chi primo arriva meglio alloggia! Soltanto per la zona VIP si ha bisogno di un ticket che si prenota su internet.

Questo anno al concerto canterà una invitata stella, la soprano vasca Ainhoa Arteta.

natale a tenerife  Inizia alle ore 21:00 e verso mezza notte finisce con un bellissimo spettacolo di fuochi di artificio.

Per sapere tutti i concerti e spettacoli a cui puoi assistere durante le tue vacanze in Tenerife, clicca qui.

Se invece la musica non la cosa che ti piace di più un’altra opzione è quella di andare a vedere il presepe vivente a TigaigaLos Realejos (vicino all’Orotava, a una ventina di km da Santa Cruz).

Cosa vedere a capo d’anno a Santa Cruz de Tenerife

Come saprai, il capo d’anno in Spagna è molto particolare già che a mezza notte e per dare il benvenuto al nuovo anno si devono mangiare 12 chicchi d’uva in 12 secondi al suono delle 12 campane. Semplice! 

Quindi tutti si riuniscono in Plaza la Candelaria dove c’e un concerto con musica folkloristica e a mezza notte, dallo scenario, fanno le 12 campane in modo tale che tutti quelli che si trovano li possano mangiare l’uva.

L’ambiente è simile a quello di carnevale. Tutti per strada, festeggiando, ballando… va bene, come in tante altre città, certo, ma con la particolarità di poter essere in maniche corte… e credimi, fa la differenza!

Quest’anno la TV spagnola trasmetterà le 12 campane per ricevere il 2017 non dalla plaza la Candelaria di Santa Cruz de Tenerife ma dal proprio paese La Candelaria, che si trova a una ventina di km dalla capitale.

L’appuntamento sarà alle 22:00h nella piazza della Basilica di Nostra Signora della Candelaria, patrona delle Isole Canarie.

Si può raggiungere facilmente anche in guagua, cioè il pullman per i locali dell’isola. Dalla stazione di bus, intercambiador, dovete prendere la guagua o bus numero 121 o 131.

Di ritorno alla capitale, Santa Cruz, e dopo aver mangiato l’uva, tutti quelli che sono sopravvissuti (tanti si soffocano nell’intento) fanno un giretto di pubs fino alla mattina dopo.

Qualche locali offrono soltanto delle feste private, ma fortunatamente questi sono in minoranza.

Per tutti quelli che decidano andare alla Candelaria, ci sono delle belle sorprese organizzate dal comune, oltre ai fuochi di artificio ed al concerto di inizio di anno.

Cosa vedere la notte dei 3 Re Magi a Tenerife: la notte più aspettata del Natale Spagnolo

La prima volta che ho passato Natale in Italia ero felicissima perché avevo la possibilità di vivere il vostro Natale e conoscere meglio le vostre tradizione. Veramente è stato un Natale bellissimo…fino a quando è arrivata la sera del 5 Gennaio, perché giusto quella sera avrei voluto teletrasportarmi in Spagna.

Una strega in Natale?? e cosa di buono ti può portare una strega? infatti.. niente… qualche caramella si tutto va bene. 😛

Invece in Spagna, la sera del 5 Gennaio è la più importante ed aspettata per tutti gli spagnoli, piccoli e grandi!

E’ la sera in cui i 3 Re Magi vengono in persona a portarti i tuoi regali (sempre che ti sii comportato bene). Quindi, in ogni punto della geografia spagnola, si trova una sfilata che percorre tutta la città, dove i 3 Re Magi accompagnati di musica ed altri personaggi (normalmente sono i protagonisti dei cartoni animati) salutano salutano a tutti e lanciano delle caramelle prima di cominciare il loro lavoro: consegnare dei regali in ogni singola casa.

re magi tenerife

Ovviamente in ogni città ci sono dei aspetti particolari che la rendono speciale, ed a Tenerife non poteva essere diversamente. Qui, i 3 Re arrivano allo stadio di calcio in elicottero e salutano a tutti i spettatori che sono andati a riceverli.

Sui loro cammelli fanno un giro per lo stadio, prendendo delle lettere che i bimbi gli hanno portato e prima di partire per per la sfilata che fa il giro della città, il sindaco di Santa Cruz li offrono la chiave della città che apri tutte le case dell’isola, per poter lasciare dei regali.

natale a santa cruz di Tenerife

La sfilata si fa a volte sui cammelli ed a volte su i carri. Alla fine, arrivano a Plaza de la Candelaria dove lasciano i regali al bambino Gesù che si trova nel presepe e da li cominciano il loro lavoro. 🙂

Comunque sia è sempre un bellissimo spettacolo da non perdersi, sopratutto se hai dei figli con te.

Ovviamente questa festa non c’entra niente con la befana italiana ma di sicuro sarà una bella esperienza per i più piccoli di casa.

E ricordati di lasciare un bicchiere di latte non solo per i cammelli ma anche per i 3 Re ;).

 Legge anche: il carnevale di Tenerife 

Cosa vedere a Natale a Tenerife: considerazioni finali

Dopo aver letto questo articolo di cosa vedere a Natale a Tenerife, sono sicura che starai cercando il prossimo volo, giusto? è normale, ti capisco! A chi non piace l’idea di spendere un Natale in un clima paradisiaco?

Io prima di venire qui, pensavo che il natale in costume era soltanto possibile nell’antipode, ma ovviamente mi sbagliavo.

A solo 5 ore di aereo dall’Italia, si può avere questo piccolo lusso! 🙂

Per goderti al massimo di questo Natale spagnolo, ti consiglio di assaggiare tutti i nostri prodotti tipici natalizi: turron, mantecados, mazapán, e la notte del 5 Gennaio, dovete mangiare il Roscón de Reyes.

Se vuoi sapere un po’ di più su questi dolci, ti consiglio da leggere l’articolo su il Natale in Spagna.

Una volta nell’isola, il mio consiglio è quello di affittare una macchina, specialmente se è la prima volta che si visita, già che durante il natale i servizi di trasporto pubblico soffrono delle modifiche e riduzioni di servizio quindi… meglio non rischiare.

Ma una cosa devi avere in mente, trovare parcheggio tante volte diventa un incubo quindi se non sei in albergo ma in un’altra struttura ricettiva, non sarebbe una cattiva idea quella di assicurarsi de se ci sono dei parcheggi nella zona.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia convinto de che un natale al caldo è una bellissima opzione per quest’anno.

Muchas gracias y Feliz Navidad!

Marta 🙂