Cosa vedere in Galizia, città, monumenti e attrazioni principali

Un articolo di Spagnatour sulle cose da vedere in Galizia, la regione situata proprio sopra il vicino Portogallo, una delle zone più belle e affascinanti dell’intera Spagna, buona lettura!!!

Sei in partenza per la Spagna?

Tappa obbligatoria è la Galizia, comunità autonoma della Spagna Settentrionale-Occidentale, situata all’estremità dell’Europa Occidentale, tra natura, mare e spiagge.

La Galizia conta un’area di 29.574,4 km², circa il 5,8% della Spagna, la sua posizione estrema la rende davvero molto interessante geograficamente e strategicamente confinante con il Portogallo.

La Galizia confina con il golfo di Biscaglia, è bagnata dall’Oceano Atlantico e ad Est confina con le Asturie, la Castiglia e León.

La Galizia è costituita da quattro province: A Coruña, Pontevedra, Ourense e Lugo.

Se desideri fare il bagno in mare, la Galizia offre una costa lunga più di 1.500 km che va dal Mar Cantabrico all’Oceano Atlantico con enormi distese sabbiose, scogliere, calette e rias. Un vero e proprio paradiso per chi ama i paesaggi marittimi.

Qui, puoi visitare e tuffarti dinanzia alla Praia das Catedrais ovvero la Spiaggia delle Cattedrali, la spiaggia più emblematica e più bella della costa galega. Alcune maestose formazioni rocciose formano archi che fanno pensare a quelle di una cattedrale.

Che dire uno scorcio naturale e paesaggistisco tutto da ammirare e da scoprire; interessanti sono le rías, famose e strette insenature che si addentrano nella costa grazie all’opera di erosione del mare all’interno delle valli fluviali. Con il passare del tempo, la costa si è abbassata e le acque dell’Oceano si sono spinte all’interno della vallata fluviale.

Simili ai fiorni norvegesi, le rías sono divise in Rías Altas e Rías Baixas, a seconda della loro posizione rispetto a Fisterra, il punto più occidentale della Galizia.

Come puoi già comprendere qui il paesaggio è nettamente diverso da quanto ti puoi immaginare e dalle coste meridionali spagnole.

Il paesaggio è molto rude, non contaminato e remoto rispetto al resto del continente europeo.

In Galizia se sei amante dei paesaggi e della natura, ti puoi davvero immergere nel verde e udire le “urla” delle onde oceaniche che penetrano all’interno delle rias.

Per quanto concerne lo scenario culturale, la Galizia è storicamente stata influenzata dall’eredità culturale dei Celti: non a caso, l’etimologia del termine Galizia (Galiza) deriva dal nome di un’antica tribù celtica dei Gallaeci che risiedeva in questa zona geografica.

Questa sua influenza culturale si tramandata per secoli e secoli fino a giungere a noi. I visitatori sono attratti da questa regione suggestiva con paesaggi mozzafiato che fanno da contrasto alle distese di spiaggia e ai “fiordi” emblematici di questa comunità autonoma tutta da scoprire.

Clima e storia della Galizia

storia clima galiziaLe cose da vedere in Galizia sono molte, ma preferisco iniziare dalla storia perché senza storia non si può capire un territorio e un viaggio non è altro che una semplice vacanza senza spessore. Molto meglio viaggiare, non pensi?

La storia della Galizia è molto complessa e veramente peculiare, testimone del susseguirsi della presenza e degli insediamenti di etnie, culture e popolazioni diverse.

Non a caso se fai attenzione all’architettura, allo stile dei monumenti, chiese, cattedrali e agli edifici, puoi subito cogliere tutta la varietà e le influenze dei popoli (Romani, Celti, Normanni, etc.) che hanno lasciato i segni della loro atavica presenza.

Un vero trionfo di stili e di architettura che si vengono a confondere e ad amalgamare con il paesaggio naturale rude e con le spumeggianti distese granitiche di sabbia e pietre della costa che copre la “striscia” di riviera che va dal Mar Cantabrico all’Oceano Atlantico.

La Galizia è erede della Gallaecia romana, la provincia romana, istituita durante il tardo Impero romano, nella parte nord-occidentale della Hispania, che copre le odiene regioni di Galizia, Castiglia e León, Asturie, Cantabria e parte delle province di León e Zamora e del Portogallo settentrionale, con cui confina.

Dopo un periodo di dominio romano, con le invasioni del V secolo d.C., questa provincia romana cadde sotto gli Suevi (popolo germanico), fino a quando venne annessa ai domini Visigoti di Leovigildo nel 585. Anche i Mori occuparono brevemente la Galizia e durante il IX e X secolo i Normanni cominciarono a devastare e a compiere razzie sulle coste della Galizia.

Le lingue ufficiali della Galizia sono il galiziano e lo spagnolo. La lingua spagnola è parlata come prima lingua dai giovani urbani, mentre il galiziano è rimasta come lingua parlata dalla popolazione rurale.

La dominanza della lingua spagnola ha avuto una notevole influenza sull’attuale idioma galiziano.

Dal punto di vista climatico, data la sua ubicazione geografica, il clima è influenzato dalla presenza e dalle correnti marittime dell’Oceano Atlantico.

Infatti, in Galizia, il clima è di tipo temperato marittimo, clima di tipo umido con precipitazioni regolari ed abbondanti, concentrate soprattutto durante la stagione autunnale per calare poi, con l’arrivo della stagione primaverile. Quasi assenti sono le precipitazioni durante la stagione estiva.

Come arrivare in Galizia

Per raggiungere la Galizia, si può fruire degli Aeroporti ubicati nella regione spagnola che la rendono facilmente raggiungibile con voli diretti, anche low cost.

L’Aeroporto di A Coruña consente di fruire dei voli diretti in arrivo da Madrid, Barcellona e Siviglia e di collegamenti internazionali con Lisbona e Londra.

L’Aeroporto si trova a soli 8 Km dalla città di A Coruña e per raggiungerla si può fruire del servizio di taxi e autobus. Il biglietto dell’autobus singolo per A Coruña costa 1,5 € circa.

Altro Aeroporto che si può fruire è quello di Santiago: qui, è possibile arrivare con voli diretti da Madrid, Barcellona, Alicante, Bilbao, Canarie, Malaga, Siviglia Palma e Valencia.

L’Aeroporto di Santiago beneficia di collegamenti internazionali con Germania, Francia, Italia, Svizzera, Regno Unito e Turchia. Si trova a circa 10 Km dalla città di Santiago di Compostela. Qui, è possibile prendere l’autobus, pagando un biglietto singolo per Santiago de Compostela, il cui costo è di 3 € circa.

L’Aeroporto di Vigo permette di giungervi con voli diretti da Madrid, Barcellona e Bilbao. Si trova a circa 9 Km dal centro della città di Vigo che può essere raggiunta con l’autobus, il cui biglietto singolo costa 1,25 € circa.

Città principali

cosa vedere in galiziaCosa puoi vedere in Galizia? Non solo verde, paesaggi naturali e mare ma, se sei amante delle metropoli, puoi visitare le bellissime e principali città.

La Metropoli senza dubbio più famosa e conosciuta della Galizia è Santiago de Compostela, situata nella provincia de La Coruña.

In questa cittadina è possibile pianificare ed organizzare il proprio itinerario e le escursioni: Santiago è una delle mete principali del fervente turismo religioso cattolico, in quanto destinazione del “Cammino di Santiago”, è un luogo ricco di arte, storia, cultura e tradizioni.

Il centro storico di Santiago de Compostela è Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco: qui si può visitare la cattedrale del Apóstol, la Fuente de los Caballos, la Praza das Praterías, il Pazo de Raxoi e il palazzo del Municipio.

Ad un centinaio di chilometri da Santiago de Compostela, puoi fare visita a Ourense, sede vescovibile famosa per il turismo termale, per la sua meravigliosa Cattedrale in stile gotico-romanico e il ponte romano costruito all’epoca dell’Imperatore Augusto.

A Coruña è la città più grande e popolosa della Galizia, uno dei piuù grandi porti in cui si snodano i traffici marittimi di merci che dal continente europeo giungono nel Regno Unito.

Città ricca di monumenti storici, di chiese e cattedrali, è possibile fare visita a Colexiata de Santa María do Campo, Torre de Hércules, Igrexa de San Xurxo, la Plaza Maria Pita, il Municipio, l’Aquarium Finisterrae, il Parco di Santa Margarita con il Museo delle Scienze e le bellissime ed affollatissime spiagge di Riazor e Orzán.

Città in piena fase di trasformazione è Pontevedra, dal suo volto turistico per la presenza delle Rías Baixas, situata a nord-ovest della Spagna.

Città d’arte e di storia, Pontevedra è appellata “la buona città”: vanta un importante complesso monumentale costituito dalla Basilica di Santa Maria Maggiore, dalla caratteristica chiesa arrotondata della Pellegrina, dalla chiesa di Santo Domenico, dalla Chiesa di San Francesco e dal convento di Santa Chiara.

Monumenti principali

In Galizia puoi organizzare il tour dei principali monumenti storici, culturali, architettonici e religiosi.

Insieme a Santiago de Compostela, Pontevedra vanta tra i più rilevanti monumenti da visitare: la chiesa barocca della Pellegrina dalla sua singolare forma a conchiglia, la Basilica di Santa Maria Maggiore, il più importante monumento in stile rinascimentale galiziano, la Basilica Rinascimentale di Santa Maria Maggiore, la chiesa gotica di Santo Domingo con il Museo Lapidario contenente resti preistorici, stemmi, stele romane, lapidi e iscrizioni romane.

A Santiago de Compostela monumento emblematico è la Cattedrale di Santiago de Compostela, uno dei più importanti santuari cattolici esistenti al mondo, che conserva le reliquie di San Giacomo il Maggiore Apostolo, patrono di tutta la Spagna.

Di grande interesse architettonico sono la facciata dell’Obradoiro, in stile barocco, le due torri medievali, Torre das Campas e la Torre da Carraca e all’interno della Cattedrale, il Portico della Gloria con la rappresentazione della Corte della Gerusalemme Celeste.

Mete imperdibili A Coruña sono: il Castello di San Antonio, o Castillo de San Antón, fortificazione della città, realizzato nel XVI secolo; la Torre di Ercole, il principale monumento della città di A Coruña, costruita su una altura di 106 metri e la Collegiata di Santa Maria, una delle più importanti chiese della città, sia in termini storici che artistici.

Attrazioni naturalistiche principali

cosa fare in galiziaPer chi ama i paesaggi verdi, le distese di spiaggia e le vallate fluviali che scendono compenetrandosi nelle Rias.

Una delle peculiarità della Galizia sono proprio le Rías, insenature lunghe che, a causa dell’erosione del mare sui letti fluviali, si sono allagate con il tempo. Le Rías della Galizia sono suddivise in: Rías Altas e le Rías Baixas.

Affascinanti insenature, simili ai fiordi norvegesi, le Rias sono un’attrazione ed uno spettacolo naturale da non perdersi assolutamente: Ribadeo, Foz, Viveiro e O Vicedo, sono le più note e belle insenature affacciate sul Mar Cantabrico.

Le Rias di Arousa, Pontevedra e Vigo sull’Oceano Atlantico sono altrettanto spettacolari, specie nelle prime luci dell’alba. Anche il litorale della Galizia è veramente magico ed attraente agli occhi dei visitatori.

La biodiversità e la varietà degli scenari e delle distese sabbiose rendono la Galizia una terra davvero unica. Si va dai litorali di sabbia chiara e fine alle scogliere.

Mete costiere popolari sono quelle del Parque Dunar de Corrubedo e la Praia das Catedrais.

Situato nella provincia di La Coruña, nel sudovest della penisola di Barbanza, il Parco Naturale del Complesso delle Dune di Corrubedo è una meta turistica da ammirare per chi ama da i paesaggi naturali costituiti da pinete, paludi, lagune salmastre, dune e spiagge.

Il parco ospita una zona con lagune e dune che, delimitano i confini di questo spazio naturale. Dal punto di vista floreale di possono ammirare i giunchi e le salicornie.

Tra le specie di uccelli troviamo il fratino, la strolaga maggiore, l’airone cenerino, la gazzetta comune, il cormorano e il germano reale.

Si trovano anche i rettili come la lucertola di Bocage o il tritone iberico; tra i mammiferi spiccano la nutria, il riccio, la genetta e gli scoiattoli.

Da non perdere anche i numerosi promontori della costa galiziana: Cabo Vilán, Estaca de Bares, Cabo Oltegal, conosciuta per la presenza delle scogliere più alte d’Europa.

Cosa vedere in Galizia: considerazioni finali

Come hai potuto apprendere dalla guida, in Galizia troverai davvero tanti bellissimi scenari naturali, paesaggi marittimi spettacolari ed unici come le caratteristiche Rias, spiagge e distese sabbiose preziose, bellissimi promontori e caratteristici Parchi come il Parco Naturale del Complesso delle Dune di Corrubedo.

Bellissimo e scenografico il litorale che si estende in lunghezza per più di 1.500 chilometri ed è bagnato dal Mar Cantabrico e dall’Oceano Atlantico.

Oltre al meraviglioso paesaggio che rendono la Galizia una terra suggestive ed amata dai turisti, è possibile fare visita anche alle principali città e Metropoli, capoluoghi principali delle quattro province A Coruña, Pontevedra, Ourense e Lugo, che costituiscono la Comunità autonoma.

Un mixage di stili, culture e popoli che si sono susseguiti nel tempo e che hanno fatto della Galizia una terra unica e suggestiva.

Qui si possono ammirare tantissimi monumenti, luoghi di interesse storico ed artistico che richiamano la dominanzione dei Romani, dei Normanni, dei Celti, dei Mori e di tutte le altre etnie che hanno influenzato la cultura dell’odierna Galizia.

Insomma, ti sei convinto a partire alla scoperta della Galizia? Sicuramente sì e sarai in grado di organizzare al meglio il tuo tour alla scoperta della magica Galizia. Buon viaggio!

Rispondi

  1. Luigi Scanno agosto 27, 2017 Reply

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *