Visitare il Teide, il vulcano di Tenerife

Benvenuto su Spagnatour, la tua guida sulla Spagna.

In questo articolo ti parlerò delle cose che devi sapere se vuoi visitare il Teide, il vulcano di Tenerife.

L’arcipelago canario, più vicino al continente Africano che a quello Europeo, è la destinazione favorita di milioni di persona che cercano un piccolo paradiso dietro l’angolo.

Se stai considerando una visita alle isole, ti consiglio di leggere prima, cosa vedere alle Canarie.

Adesso però parliamo del Teide, l’attrazione principale di Tenerife.

Visitare il Teide, un vulcano di leggenda

Il Teide è il punto più alto della Spagna con 3718 m, un vulcano attivo che si trova sull’isola di Tenerife, nell’arcipelago Canario.

E’ il terzo vulcano del mondo per altitudine dalla sua base dopo il Mauna Kea ed il Mauna Loa, entrambi alle Hawaii, e questo fa di Tenerife la decima isola più alta al mondo. 

Il nome del Teide viene dalla parola Echeyde che secondo i Guanci ( aborigeni che abitavano l’isola in antichità) significa inferno, già che per questo popolo, il Teide era un monte sacro dove c’era l’aldilà.

Racconta la leggenda che Guayota, il demone del male, rapì Magec, dio del sole e della luce, portandolo con sé all’interno del vulcano e lasciando l’intera isola in penombra.

I Guanci, invocarono al suo dio supremo, Achaman per la liberazione di Magec e così accadde: dopo una feroce lotta, Achaman riuscì a sottrarre Magec dall’interno del vulcano lasciando a Guayota al suo posto e coprendo la vetta con un pane di zucchero.

visitare il Teide

Oltre alla legenda, il Teide è un posto bellissimo e magico, dove c’è anche un osservatorio per guardare le stelle e gli astri.

Nel 2007, l’UNESCO dichiara il Teide Patrimonio dell’Umanità e tre anni dopo, nel 2010, il Teide si classifica come il Parco Nazionale più visitato di tutta l’Europa ed il secondo più visitato al mondo, con 3 milioni di visitatori all’anno.

Il parco si trova nel centro di Tenerife, a 2000 m, ed è la meraviglia naturale più visitata di Spagna.

Non solo è un referente per il turismo, ma anche per i scienziati di tutto il mondo, perché grazie alla assomiglianza dal punto di vista ambientale e geologico del Teide con il pianeta Marte, dato il suo spettacolare paesaggio lunare,  il parco è diventato “l’ufficio” dove si realizzano degli studi e prove da portare sul pianeta rosso.

Visitare il Teide, come arrivare

Per arrivare al Parco Nazionale del Teide si può prendere la macchina oppure affidarsi alla Guagua (bus).

Se lo fai in pullman ci sono due linee principali:

  • 348 dal Puerto de la Cruz
  • 342 da Costa Adeje

Non esiste nessuna linea da Santa Cruz de Tenerife diretta al Teide, per cui dovresti prendere un pullman fino a Puerto de la Cruz e poi un’altro fino al parco.

Se invece lo fai in macchina, ci sono 3 possibilità:

  • Dal nord, prendendo la superstrada TF-21 La Orotava- Granadilla o la TF-24 La Laguna-El Portillo
  • Dal sud, per la TF-21
  • Dal Ovest, per la TF-38 Boca Tauce-Chío

Il tragitto fino al parco è veramente bello perché vai salendo per una strada di montagna, circondata da pini per poi attraversare le nuvole…. per poi arrivare al paesaggio lunare del Teide.

Visitare il Teide, il Parco Nazionale

Il Teide diventa Parco Nazionale nel 1954 con l’idea di preservare le meraviglie della natura e le sue specie endemiche.

La struttura del complesso vulcanico e di tutte le formazioni del parco, sono uniche al mondo.

Infatti, il vulcano non è solo uno, perché accanto al famoso Teide si trova un’altro vulcano: il chiamato  Pico-Viejo (Vetta Vecchia) che con i suoi 3135 m sul livello del mare, è la seconda montagna più alta dell’arcipelago.

Prima di arrivare al parcheggio da dove prendere la funivia, trovi il Centro dei Visitanti El Portillo, aperto tutti i giorni dalle 9h alle 16h.

Farsi una passeggiata per questo centro prima di visitare il parco è altamente consigliabile perché potrai vedere un video ed imparare tantissime cose interessanti come la formazione di un vulcano.

Vicino a questo centro si trova il Giardino Botanico dove poter vedere delle spezie endemiche non solo del parco ma di tutta l’isola.

Una volta arrivato nella base del Teide (2.356 m) potrai prendere la funivia (anche non sempre è aperto a causa del forte vento) che ti porterà alla Rambleta (3.555 m) la parte più alta ma non la vetta. Il tragitto in funivia è di appena 8 minuti.

visitare il Teide

La funivia è aperto dalle 9h alle 17h essendo l’ultima salita alla cima alle 16h.

In questa zona si trova il Parador, cioè un hotel di lusso appartenente allo stato spagnolo e che si trova nell’enclave emblematici.

Dalla Rableta partono due sentieri che possono essere percorsi liberamente e chi vanno in direzione ai belvedere di Pico Viejo e La Fortaleza.

Da questi belvederi le viste sono semplicemente mozzafiato, un paesaggio formato dall’erosione della roccia vulcanica da parte degli agenti atmosferici.

Un’autentica meraviglia in cui si possono differenziare 3 grande zone:

  • Las Cañadas: si tratta di una pianura sedimentaria con delle formazione rocciose tutte diverse e caotiche, procedenti della lava che usciva durante l’eruzioni. Il suo nome viene dato dai pastori dell’epoca già che era la zona dove passava il loro bestiame.
  •  Los Roques de García: Dividono Las Cañadas in due Calderas, formazioni rocciose, erose e deformate dall’acqua, vento e neve, formando delle sculture surreali, come el roche Cinchado (in forma di albero è la più famosa di tutte), la Cattedrale o la Cascata. 

roches garcia teide

 

  • Los Azulejos (piastrelle in Italiano) molto caratteristici per il suo colore blu-verdastre a causa dell’ossido di ferro e l’alterazione chimica della roccia.

Oltre a queste meraviglie, dai belvederi si possono avvistare anche dell’altre isole come Gran Canaria, La Gomera, El Hierro e la Palma.

Un autentico spettacolo che ti lascerà a bocca aperta.

Visitare il Teide: raggiungere la cima

Per raggiungere la bocca del vulcano si accede unicamente attraverso il sentiero “Telesforo Bravo”  che collega la Rambleta (3.555 metri) alla cima (3.717,98 metri).

Sono circa 650 m che si devono fare a piedi.

Ma attenzione, per poter visitare la vetta del Teide si deve ottenere prima un permesso speciale gratuito, che si può chiedere cliccando qui (si consiglia di farlo il prima possibile, dato l’alta richiesta).

Normalmente il numero di escursionisti che chiedono questo permesso sono intorno a un centinaio al giorno.

Inoltre,considera che la salita a piedi dura circa 6 ore, per cui il livello di allenamento deve essere alto.

Nel caso volessi arrivare al pico del Teide all’alba, potresti prenotare nel rifugio Altavista ma devi sapere che questo rifugio non offre nessun servizio di ristorante per cui attento alle provviste.

Potrai fare uso della cucina del posto.

L’unica cosa che si trova nel rifugio è una macchina di bibite fredde ed un’altra di quelle calde tipo caffè o cioccolata.

Visitare il Teide: Considerazioni finali

Visitare il Parco Nazionale del Teide è semplicemente un dovere se ti trovi a Tenerife, e se lo fai durante la primavera, potrai vedere una delle spezie di flora endemiche del parco: El Tajinaste Rojo.

flora teide

Una pianta bellissima in forma di lancia, formata da piccoli fiori rossi e che può arrivare ai 3 m di altezza.

Il Tajinaste è abbastanza peculiare già che la fioritura è ogni due anni e dura soltanto 2 settimane, quindi se sei fortunato di trovarlo durante la tua visita, godetelo!

Oltre alle meraviglie naturale, il Parco Nazionale del Teide, accoglie anche uno degli osservatori astronomici più importante del mondo.

Ogni mercoledì e venerdì si organizzano delle visite organizzate con guida esperti che ti spiegheranno tutto al dettaglio.

Quindi, se hai la possibilità di rimanere la sera per vedere il tramonto dall’alto e, dopo un aperitivo, le stelle, non pensarci due volte. Senz’ombra di dubbio è una delle esperienze più belle di tutte.

Come puoi immaginare, la domanda per questa attrazione è abbastanza alta, per cui il mio consiglio è quello di prenotare in anticipo. Se sei interessato, clicca qui.

Esiste anche la possibilità di fare una escursione soltanto per osservare le stelle, di appena un’ora e mezzo, senza tramonto ne aperitivo e ovviamente il prezzo è più economico.

Per ulteriori informazione, clicca qui.

Come ultima raccomandazione prima di finire l’articolo, mi piacerebbe informarti che la pressa di pietre vulcaniche del parco è talmente vietata. La ragione è semplice, con oltre a 3 milioni di visitanti all’anno se ognuno di loro si portasse a casa una pietra, il danno ambientale sarebbe irreparabile.

Se veramente vuoi un bel souvenir, non c’è niente di meglio che una bella foto!!!  🙂

Spero che questa visita virtuale nel Parco Nazionale del Teide ti sia piaciuta e ti abbia convinto di visitare il Teide.

Se pensi che questo articolo può essere interessante per altre persone, condividi!!

Muchas gracias y hasta pronto amigos!

Marta 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.